top of page

Fabrizio Fortuna: dall’Iperrealismo alla Fotografia

Aggiornamento: 28 feb

Giovedì 29 febbraio alle ore 21.00, sarà ospite sul mio canale You Tube il fotografo FABRIZIO FORTUNA!

Clicca qui per seguire la diretta


Fabrizio Fortuna, nato a Roma il 19 aprile 1973, da padre originario delle Marche e madre umbra, ha coltivato fin da giovane una grande passione per l'arte.

A soli 7 anni dipingeva quadri ad olio e a 14 si è avvicinato alla pittura iperrealista.

Dopo circa 8 anni dedicati a disegni iperrealistici, ha scoperto la fotografia durante i suoi viaggi in età adulta, trasferendo l'esperienza maturata nel disegno a questa nuova forma di espressione.

 

Nei suoi primi anni nel campo della fotografia, si è concentrato sul minimalismo, adottando una post produzione semplice ed efficace.

Successivamente ha intrapreso un percorso artistico che ha abbracciato la composizione e la post produzione in modo innovativo, applicando elementi tipici del fumetto giapponese alle sue fotografie.

Il suo viaggio in Giappone ha ispirato la sua prima serie di fotografie in stile manga.

 

In seguito, ha approfondito lo studio delle cromie, esplorando la teoria dei colori, la scala

cromatica e la sintesi dei colori.

Questi concetti sono stati fondamentali per i suoi progetti in luoghi come l'Alaska, il Sudafrica e i Parchi Nazionali americani.

 

Negli ultimi due anni, il suo stile ha subito un'evoluzione significativa.

Le sue produzioni sul lago Baikal, Hong Kong, Perù e Bolivia hanno dato vita a una nuova visione artistica.

Ha dato maggiore rilievo ai contrasti tra luce e ombra, creando composizioni in cui la luce tagliente e le ombre profonde dominano il frame.

 

Fortuna condivide la sua passione insegnando fotografia e post produzione, soprattutto in

Sudamerica, dove è conosciuto per i suoi lavori in Bolivia e Perù.

Pur definendosi un fotoamatore social, vive la fotografia come una forma semplice e appassionata di espressione artistica.

 

 




69 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page